Parigi, ponti a rischio: guerra aperta ai “lucchetti dell’amore”

1418

Oltre che ciechi, a quanto pare, l’amore rende anche sordi. Almeno a Parigi,  dove le coppiette di tutto il mondo proprio non ne vogliono sapere di rinunciare a testimoniare la propria unione riempiendo i ponti della Ville lumiére con gli ormai famosissimi “lucchetti dell’amore“.

pont-des-arts-IIIUn problema mica da niente per l’amministrazione parigina, impegnata da sempre nella salvaguardia, oltre che dell’estetica di questi autentici pezzi di storia che attraversano la Senna, anche della precarissima staticità di queste strutture centenarie.

Al punto che in più d’una occasione, negli ultimi anni e poi negli ultimi mesi, prima con le buone attraverso il lancio iniziative “social” e campagne di sensibilizzazione sul tema, e infine con le cattive mediante l’annuncio di sanzioni per chi avesse continuato a mettere a rischio la tenuta dei ponti sotto il peso del proprio amore, ha letteralmente dichiarato guerra agli innamorati di tutto il mondo diretti a Parigi.

Ma adesso la svolta. Vista la totale inefficacia di ogni provvedimento adottato nel corso del tempo, dal comune hanno infatti deciso di risolvere il problema alla radice. In che modo? Eliminando le griglie presenti sui ponti più rappresentativi della città, e per questo presi maggiormente di mira dagli innamorati di ogni latitudine, sostituendole con ben più pratiche, ma forse meno romantiche, paratie in vetro.

pont-des-artsIIFunzionerà? Almeno fino a quando non inventeranno i lucchetti a ventosa, pare proprio di sì. Ma attenzione: se siete una coppia in procinto di trascorrere a Parigi anche solo un romantico fine settimana, e durante un passaggio su una di queste strutture dovesse venirvi la malaugurata voglia di fermare anche voi il vostro amore con uno di questi lucchetti, beh, forse è il caso che sappiate che questo drastico sistema congegnato dal Comune di Parigi non vi metterà al riparo da una salatissima multa. E poi non venite a dirci che non eravate stati avvertiti.

Share.

Comments are closed.