I mercati di Parigi

0

Quando si pensa a Parigi, solitamente si immaginano gli Champs Elysees, la Torre Eiffel, i grandi musei come il Louvre, il Musée d’Orsay e il Pompidou, i teatri, i negozi eleganti e i ristoranti esclusivi. Ma la Parigi più autentica la si trova, invece, andandosene in giro per i suoi mercati, fra prodotti freschi, oggetti da collezione e l’aria vissuta dei venditori. Ora che la primavera è finalmente arrivata, non resta che prenotare il proprio hotel Parigi su il sito americano Expedia per esempio, cerchiare i mercati sulla mappa e partire con la valigia semi vuota.

A Parigi, la tradizione del mercato è radicata nel tempo e, infatti, tutti i quartieri della città ospitano mercati gastronomici, aperti quasi tutti i giorni della settimana. Il mercato alimentare più amato dai turisti è senza dubbio il Bastille, che offre una rassegna completa delle leccornie francesi, dai formaggi al vino, dalla frutta alla verdura, fino al pesce. Di grande fascino è anche il mercato Monge, ubicato nell’omonima piazza, nell’incantevole quartiere Mouffetard.

Il più parigino e pittoresco dei mercati è, invece, il mercato d’Aligre, costruito alla fine del Settecento e contraddistinto dai colori accesi. Il paradiso dei gourmet si trova, però, all’interno del mercato coperto Beauvau, che, oltre a proporre una grande varietà di piatti e alimenti, presenta vere e proprie chicche come la boulangerie biologica Moisan.

Parlando di mercati coperti, tuttavia, non si può non menzionare il più antico della città, Le Marché des Enfants Rouges. Chi trascorre un soggiorno in un hotel Parigi non deve assolutamente perderselo: fatto costruire da Luigi XIII nel 1615, si dispiega da rue de Bretagne fino al quartiere del Marais, propone alimenti di tutte le cucine del mondo e offre la possibilità di pranzare in loco.

Fra i mercati più caratteristici vi è sicuramente il Mercato dei Fiori, da includere assolutamente nel proprio itinerario turistico, anche perché si trova sulla Ile de la Cité, dove nacque la città e dove svetta la cattedrale di Notre Dame. Il Mercato dei Fiori, le cui origini risalgono addirittura al 1808, presenta una vastissima offerta di fiori e piante e, com’è facile immaginare, dona alla Ile de la Cité un’armonia di colori e odori. Se è possibile vale la pena visitarlo la domenica, quando si tiene, in concomitanza, anche il Mercato degli Uccelli.

Chiudiamo la panoramica sui mercati, consigliando ai viaggiatori che scelgono Parigi come meta delle proprie vacanze di visitare il Marché aux puces de Saint-Ouen, il mercato delle pulci: costituito da più mercati e organizzato in diverse sezioni, è l’ideale per chi cerca mobili, oggetti d’antiquariato, vestiti e pezzi vintage.

Share.

Comments are closed.