La passeggiata “perfetta” nel cuore di Parigi

1792

Partiamo da un presupposto: chi si annoia a Parigi ha problemi molto più importanti da risolvere. Ok, fatta questa premessa, possiamo cominciare a dirvi perché, stavolta, vorremmo cambiare per un attimo obiettivo e raccontarvi di come si sta bene, da queste parti, anche senza fare – ehm – niente. Che poi niente non è se, per come lo intendiamo noi, niente vuol dire anche solo camminare e rilassarsi. E allora quali giorni migliori se non quelli che questa primavera travestita d’estate sta regalando alla Ville Lumière per concedersi una di quelle meravigliose camminate senza altri scopi che non distendersi e pensare soltanto a se stessi?

IMG_2282Così, per il ciclo #promenade (che sarebbe “passeggiate” in italiano), stavolta vogliamo proporvi le Marais, uno dei quartieri a nostro avviso più suggestivi di Parigi e ideali per concedersi il lusso esclusivo dell’ozio puro. Perché se è vero che questa città è piena di tesori nascosti, nel quartiere Marais se ne concentrano diversi. E tutti incantevoli.

Anche se sarete a Parigi giusto per un fine settimana, vale la pena perdersi nelle suggestive e infinite traverse e vie di questo luogo (la cui storia e cultura potrete trovare qui, se avete voglia di capire perché si chiama così e cosa ospita oggi), e ritrovarsi immersi in rue Francs Bourgeois, rue des Rosiers, Bourg-Tibourg. Nel Marais parchi, giardini, piccole strade pedonali e luoghi nascosti sono ad ogni angolo. Così camminare sembra passeggiare nel tempo, attraversando i secoli e le epoche.

La passeggiata degna di questo nome secondo noi inizia dopo un bel pranzo al mercato Enfants Rouges. Poi al Museo degli Archivi Nazionali, in rue Charlot: qui ci sono i caratteristici alberghi Rohan e Soubise, sontuosi palazzi immersi nel verde dei loro giardini. Poco distante, circondata da edifici alti di mattoni rossi e tetti in ardesia blu, spunta Place des Vosges, uno dei “gioielli” più antichi di Parigi. Qui vale la pena sostare qualche istante e lasciarsi andare nei corridoi in cui si mescolano spettatori, turisti, musicisti, artisti e semplici parigini.

IMG_2082Proseguendo il tour vale la pena una visita il mercato di Place Sainte-Catherine. Ma giusto un attimo, perché rubare spazio all’Hotel de Sully, il più autorevole esempio di architettura in stile “Luigi XIII”, sarebbe davvero un delitto. Il cortile e il giardino interno sono assolutamente stupendi. Il luogo ideale dove riposarsi ancora un po’ e godersi la calma assoluta dopo aver attraversato la caotica e famosissima rue de Rivoli.

Giusto il tempo di godersi un po’ l’atmosfera e cominciare a decidere dove fermarsi per cena. Noi proponiamo Chez Gladines, ristorante franco-basco dove mangiare dei piatti non troppo ricercati ma gustosissimi ad un eccellente rapporto qualità prezzo. Poi fate voi.

Comments are closed.

Questo sito utilizza Cookie di terze parti per analizzare il traffico in ingresso. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie clicca su Maggiori Info. Cliccando sul pulsante ACCETTO, acconsenti all’uso dei cookies. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi